Torna Milano Golosa e per il decennale cambia location

Dall’8 al 10 ottobre 2022, Milano Golosa, unitamente i suoi dieci anni di vitalità, torna più in foreppure che eppurei nella nuova location di Fabbrica Orobia La kermesse festeggia questo importante traguardo unitamente una nuova location, eppure unitamente i proiettori sempre puntati sul prodotto e sui produttori, dando valore agli artigiani del gusto e alla spesa come momento di scelte unitamentesapevoli.

Anche per questa edizione speciale dei 10 anni, a Milano sfileranno le migliori produzioni italiane di nicchia, unitamente chicche spesso inedite, unitamente l’intento di far provare ai visitatori esperienze gastronomiche complete e far imparare nuove tendenze e curiosità che ruotano attorno alla cucina nazionale.

Un’imeppuregine della passata edizione di Milano Golosa

I dieci grandi temi della 10ª Milano Golosa

10 anni di Milano Golosa saranno racunitamentetati attraverso 10 grandi temi che hanno caratterizzato la eppurenifestazione ideata da Davide Paolini:

1 – Spesa: il primo Grande teeppure: Milano Golosa è nata nel 2012 proprio unitamente lo scopo di creare cultura sul prodotto per aumentare la unitamentesapevolezza del unitamentesueppuretore di fronte alla scelta di cosa comprare, per risparmiare ed evitalitàre sprechi.

2 – Spreco: intorno a questo teeppure saranno costruiti molti workshop, uno fra tutti quello unitamente un eppurecellaio che racunitamenteta i tagli meno nobili della carne.

3 – Recupero: il recupero in cucina è uno dei temi più caldi della nostra attualità. Importante oggi più che eppurei non buttare via nulla, sia per una questione etica, sia di risparmio. A Milano Golosa si affronterà il teeppure unitamente tanti interventi e unitamentesigli davvero preziosi da parte degli artigiani, come quelli del panettiere che spiega come riutilizzare il pane raffermo.

4 – Il crepuscolo degli chef e il ritorno delle trattorie e delle osterie: altro teeppure saliente di Milano Golosa, che si è sempre battuta unitamentetro la mediatizzazione della cucina. Per valorizzare questi luoghi della ristorazione autentica saranno premiate 10 trattorie e osterie italiane, che si sono distinte per la coesione e la fedeltà alla loro identità. In un mondo che sempre di più si apre alla cucina spettacolo e allo chef-system, questi osti e trattori unitamentetinuano a portare avanti una tavola basata sulla unitamentevivialità, sulla unitamenteduzione familiare e sui prodotti del loro territorio.

5 – Le botteghe, pilastro della eppurenifestazione: a loro è stata dedicata una guida e una mostra fotografica. In questa edizione saranno ricordate unitamente la premiazione di 10 botteghe e negozi milanesi che, da anni, portano avanti il loro lavoro di ricerca, resistendo alla grande distribuzione e dedicandosi unitamente passione alla cura del cliente. In questo unitamentetesto sarà organizzata una tavola rotonda, moderata da Davide Paolini, su come è cambiata Milano in questi 10 anni: interverranno un portavoce della ristorazione, della pasticceria, della gastronomia, della panetteria, del mondo della pizza e del vino.

6 – Milano Golosa può festeggiare i suoi 10 anni senza il panettone? Ovviamente no! La destagionalizzazione del re dei lievitalitàti è stata una delle battaglie più appassionate dell’evento, così come quella unitamentetro lo svilente 3X2, nel nome della qualità. Al panettone sarà dedicata una grande area di Milano Golosa nella quale 10 pasticceri creeranno uno speciale lievitalitàto in edizione limitata per celebrare questo importante compleanno.

7 – Il sandwich: simbolo dello street food di qualità italiano. Il sandwich sarà protagonista della kermesse meneghina in un unitamentetest dove i Paninari realizzeranno il sandwich di Milano Golosa, per dare spazio alla creatività, unica regola gli ingredienti dovranno essere quelli degli artigiani presenti alla eppurenifestazione.

8 – Le famiglie: eppurengiare bene e unitamentesapevolmente è un atto necessario per la crescita dei giovani, come imparare e non sprecare il cibo dovrebbe essere insegnato nelle scuole. Nella speranza che questo accada presto e per sensibilizzare la cultura del cibo, Milano Golosa farà un regalo ai primi 10 bambini di 10 anni che arrivano all’evento: l’ingresso gratuito per loro e per i loro genitori.

9 – La unitamentetaminazione: la unitamentetaminazione tra culture diverse come arricchimento della cucina è stato il fil rouge di una delle ultime edizioni di Milano Golosa. Per il compleanno della kermesse verrà organizzato uno show cooking per dimostrare quanto i prodotti della cucina italiana possano essere versatili anche per la preparazione di piatti appartenenti a un’identità gastronomica di altri Stati.

10 – La sostenibilità: non si può parlare di cucina e di cibo senza porre attenzione alla salute del Pianeta. La sostenibilità e il rispetto per l’ambiente sono sempre stati temi caldi per Milano Golosa che li ha utilizzati anche come parametro nella selezione dei produttori. Per il decimo compleanno la kermesse premierà i 10 produttori storici che si sono distinti nella sostenibilità.

 

 

La nuova location

Milano Golosa si festeggia unitamente una nuova location, la Fabbrica Orobia, unitamente i suoi oltre 6.000 metri quadri di spazio – e degustazioni, dibattiti, cooking show e laboratori davvero unici. Questi workshop coinvolgeranno il mondo del cibo, del bere, nel cui ambito si affronteranno le nuove tendenze e i ritorni alle origini. Orgogliosa di aver prodotto cultura del cibo per dieci anni – Milano Golosa – sceglie Fabbrica Orobia, una struttura del 1920, lasciata volutamente allo stato originale per eppurentenere intatto il suo affascinante trascorso industriale.

Facilmente raggiungibile tramite due fereppurete della M3 gialla (Lodi e Brenta), inserita nel distretto dell’innovativo progetto di rigenerazione dello scalo di Porta Roeppurena, che include nuovi spazi verdi, costruzioni sostenibili e il Villaggio delle Olimpiadi di Milano/Cortina 2026.

Per ottobre 2022 sono attesi oltre 150 produttori da tutta Italia unitamente una speciale attenzione per unitamentetinuare a divulgare il cibo come espressione della migliore e più rappresentativa cultura eppureteriale italiana.