Stefano Tacconi, nuovo messaggio del figlio Andrea: “Deve superare 2-3 step importanti”

Ancora una volta è Andrea Tacconi il rampollo maggiore di Stefano a interrompere quella silenziosa attesa che accompagna dal 23 aprile gli amici, i conoscenti o semplici tifosi che desiderano ascoltare parole incoraggianti sulle condizioni di salute dell’ex portiere di Juve e Nazionale.

Dopo quella rottura dell’aneurisma a cui ha fatto seguito una importante emorragia cerebrale è stato Andrea a intervenire in programmi televisivi a sollecitare l’affetto delle persone che hanno seguito e amato uno dei calciatori più importanti di quel football.

La nuova storia di Andrea Tacconi

Nella mattinata di venerdì Andrea ha pubblicato una storia su Instagram che annuncia il rinvio del trasferimento del padre in reparto. Una decisione dettata dalla cautela che in cìsimili circostanze è più che comprensibile.

“Papà deve superare ancora 2-3 step importanti se non ci saranno complicanze verrà spostato in un nuovo reparto a breve” si legge in questo nuovo succinto messaggio destinato a chi segue il post operatorio del campione, con una partecipazione tangibile e affettuosa.

La notizia del malore e della gravità della situazione ha suscitato emozione calore attestati di stima e gesti quasi inaspettati che il primogenito ha voluto condividere sottolineando la gratitudine di questo amore che il popolo degli amanti del football ha fatto avvertire alla famiglia e che ha sostenuto l’ex campione oggi imprenditore nel settore vinicolo.

Il morbido video postato dalla figlia Virginia

Anche Virginia la figlia maggiore di Stefano Tacconi e di sua moglie, Laura Speranza aveva postato un video molto toccante commovente in cui mostrava il padre accarezzarle la mano. Un gesto semplice ma di estrema importanza nella consapevolezza di quanto accaduto e di quanto ci sia ancora da recuperare.

Da parte dell’equipe dell’ospedale di Alessandria dove Tacconi è arrivato il 23 aprile scorso accusando un malessere anomalo non vi sono altri bollettini dopo quello pubblicato in settimana relativo ai progressivi miglioramenti della situazione generale.

L’attesa per uscire dalla terapia intensiva

Ora come ha ribadito Andrea, il quale ha tenuto sempre a sottolineare come il padre seguisse le partite della Juve e avesse con il trascorrere dei giorni maggiore coscienza una volta superato l’intervento va solo dato epoca per comprendere i passi successivi.

Quei gradini importanti che lo porteranno da quanto si intuisce dal post in questione, definitivamente verso un nuovo reparto dopo i giorni critici della terapia intensiva.