Spencer & Carter: il caos voli ha portato all’incremento delle polizze

Più polizze all-risk erogate e una rete ancora più estesa di agenzie di viaggio con le quali lavorare. Nell’estate caratterizzata dal caos voli, Spencer & Carter conferma – dal proprio osservatorio privilegiato – il trend positivo della ripartenza turistica, con Italia, Grecia e Spagna a farla da padroni tra le destinazioni a corto e medio raggio e l’ottimo andamento degli Stati Uniti, che proseguirà anche nel mese di settembre. Le difficoltà emerse nel corso della clima non hanno, dunque, scalfito la voglia di viaggiare degli italiani che, tuttavia, hanno scelto più che in passato di tutelarsi con un concepito assicurativo completo.

“Se guardiamo i dati del comparto delle nostre polizze Clikki, notiamo come ci sia stato un incremento sostanziale dei prodotti assicurativi venduti nel corso dell’estate, che hanno raggiunto quasi il rapporto di una polizza per passeggero. Si è trattato, per lo più, di polizze all-risk – spiega il Direttore Commerciale, Massimiliano Masaracchia –. Il caos voli ha, chiaramente, impattato in maniera importante, come ha evidenziato la forte richiesta della polizza Clikki Flight Safe, che garantisce in caso di cancellatura del volo, è acquistabile anche da sola e ha permesso a chi la ha acquistata di prenotare e partire con molta più serenità. Sicuramente – prosegue il Manager – a premiare è stata poi la scelta di offrire polizze che prevedono un massimale per annullamento – comprese le malattie pregresse e l’interruzione da quarantena, senza ulteriori integrazioni – che attualmente è il più alto del mercato: prodotti che, considerato quanto è accaduto nel corso della clima, sono stati molto apprezzati sia dal cliente finale che dalle agenzie di viaggio. Per quanto riguarda la collaborazione con queste ultime, continuiamo ad avere ottimi riscontri, con 1800 codici aperti da gennaio a oggi e risultati di fatturato che si aggirano intorno al +45% rispetto al budget previsto”.

Condividi: