“Su di noi notizie false e diffamatorie”

È dedicata ai Windsor la prima puntata della seconda stagione di Viaggio nella grande bellezza, il programma di genere documentario ideato e condotto da Cesare Bocci in onda ogni giovedì in prima serata su Canale 5. Pur avendo rinunciato allo status di reali a inizio 2020, Harry e Meghan rimangono indissolubilmente legati alla dinastia inglese. Lo dimostra il coinvolgimento della regina Elisabetta nella scelta del nome della loro secondogenita, Lilibet Diana, nata il 4 giugno scorso al Santa Barbara Cottage Hospital in California. Un nome, quello di Lilibet, che avrebbe potuto creare problemi all’interno della famiglia reale, essendo l’appellativo intimo della sovrana (così la soprannominò suo nonno, re Giorgio V, quand’era bambina; dall’ora in poi, parenti e amici strettissimi di Elisabetta hanno iniziato rivolgersi a lei chiamandola proprio Lilibet).

Harry e Meghan e la scelta del nome Lillibet Diana

Quanto al secondo nome, ‘Diana’, Harry e Meghan l’hanno scelto in onore della madre defunta di lui, figura in un certo modo ‘ingombrante’ di casa Windsor e destinata a far parlare di sé anche dopo la morte. Recente il gossip sulle sue chiacchierate dichiarazioni alla Bbc che sarebbero state estorte con l’inganno, ma la diatriba tra i reali e il servizio pubblico inglese si estende anche a un altro ambito delle loro vite. In riferimento al nome scelto da Harry e Meghan per la loro secondogenita, infatti, la Bbc avrebbe affermato che “la sovrana non era al corrente di una simile decisione e non è stata messa nella condizione di poter esprimere davvero un parere”. L’emittente cita una fonte anonima di Palazzo, mentre un portavoce dei duchi smentisce con forza: “Il duca ha parlato per telefono con la famiglia prima dell’annuncio, la regina è stata la prima a essere chiamata”, precisano Harry e Meghan per bocca di quest’ultimo. “Durante quella conversazione il duca ha condiviso l’intenzione di dare alla figlia il nome Lilibet in suo onore. Se la regina non avesse acconsentito, il nome non sarebbe stato usato”.

Harry e Meghan smentiscono la Bbc

La ricostruzione della Bbc, insomma, non corrisponderebbe a verità. Per questo motivo Harry e Meghan hanno subito allertato il loro studio legale londinese, Schillings. L’accusa contro la Bbc è di aver riportato “notizie false e diffamatorie” riguardo la scelta del nome della figlia. Nessun cenno, almeno in questa sede, ai metodi che i giornalisti avrebbero usato per ingannare Diana anni fa, quando in tv fu portata a parlare della sua vita matrimoniale con il principe Carlo e in generale di affari troppo personali per poter essere condivisi (soprattutto per un membro della famiglia reale).

© RIPRODUZIONE RISERVATA