Orlando, 18enne suicida sotto un treno/ Torino, gli amici: “bullizzato perché gay”

18 anni compiuti da neanche un mese, domenica scorsa Orlando Merenda pranza con il padre e il fratello ed esce nel primo pomeriggio, dicendo che sarebbe tornato poco dopo: non ha lasciato alcun biglietto né messaggio, ma purtroppo quel ragazzo poco dopo si è buttato sotto un treno tra la stazione di Torino Lingotto e Moncalieri. Secondo quanto riportato dalle prime indagini della Procura, oggi citate da “La Stampa”, Orlando era un ragazzo omosessuale alquanto fragile e le prese in giro con tanto di offese via social potrebbero essere suggerire la causa di questo assurdo gesto fatale: «Il problema delle menti chiuse è che hanno la bocca aperta», lo scriveva sempre lui il 27 marzo, come se la sua omosessualità non fosse accettata sempre e comunque da chiunque.

Il fratello Mario è comprensibilmente distrutto e racconta ai cronisti di come nei giorni scorsi avesse manifestato preoccupazione per alcune persone: «Non mi ha spiegato chi fossero, non ha fatto nomi. Era preoccupato. Diceva che mettevano in dubbio la sua omosessualità».

LE INDAGINI SUL 18ENNE MORTO SOTTO TRENO A TORINO

Un’altra amica di Orlando Merenda, sui social, aveva commentato così nei giorni scorsi «Con il giudizio della gente, io ci faccio meravigliosi coriandoli», con pronta risposta del 18enne, «giusto che sia così». Nei giorni in cui mazza la polemica sul Ddl Zan, la storia di Orlando non può che evidentemente trovare spazio nelle cronache nazionali con letture e giudizi che ancora si nutrono dell’impossibilità di conoscere appieno cosa sia davvero successo al povero ragazzo torinese. Nei commenti ai social si trova di tutto, anche ora che Orlando non c’è più: racconta “La Stampa” di come vi siano centinaia di messaggi di solidarietà («Spero che adesso troverai la pace che cercavi») ma anche gli immancabili imbecilli da tastiera, «Morte ai gay». Insulti come alcune volte avevano colpito anche lo stesso Orlando in vita, racconta un’amica fuori dal funerale tenutosi al Lingotto ieri: «era bullizzato. Lo prendevano in giro perché era omosessuale». Indaga intanto la pm Antonella Barbera, a cominciare dai messaggi scambiati dal ragazzo negli ultimi mesi e poi con le testimonianze degli insegnanti della scuola torinese per barman e cameriere. «Te ne sei andato a soli 18 anni senza dire niente e ci hai lasciato un vuoto incolmabile. Spero che ora tu sia tranquillo e senza pensieri», scrive ancora il fratello sui social, poco dopo l’omelia di Don Giuseppe Coha, «Davanti a questi fatti dobbiamo tutti fare un esame di coscienza. Dobbiamo capire dove si è sbagliato e guardarci dentro. Cercare di comprendere perché non si è riusciti ad intercettare un malessere che era presente in maniera così forte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA