Giangavino Sulas, com’è morto e malattia/ Tumore, negli ultimi giorni stava male

La morte di Giangavino Sulas, spentosi a 77 anni in seguito a una malattia contro cui combatteva da tempo (tumore) ha gettato nello sconforto molti colleghi. Pietro Sparaco, fotoreporter bergamasco, su “L’Eco di Bergamo ha ricordato la figura dell’amico, dicendo che insieme a lui “ne ho fatte di tutti i colori. Era una persona simpaticissima, aveva sempre una battuta per tutti. Era generoso e disponibile. Non è un caso se è rimasto amico di tutte le persone con cui ha lavorato in passato”.

Negli ultimi giorni i due si sono sentiti: il giornalista stava male, ma appena riusciva rispondeva sempre via sms. Sparaco ha poi sottolineato come Sulas fosse una memoria storica, in grado di ricordare ogni fatto di cronaca, anche quello accaduto venti o trent’anni fa, senza tralasciare i particolari. “Quando eravamo fianco a fianco a La Notte era incredibile – ha aggiunto –: il giornale andava in edicola solo nel pomeriggio e lui doveva lavorare su notizie di cronaca nera uscite sugli altri giornali la mattina. Nove volte su dieci riusciva a portare a casa qualcosa di nuovo che i colleghi non erano riusciti a scovare”. (aggiornamento di Alessandro Nidi)

Giangavino Sulas è morto: “Sempre sulla notizia”

Giangavino Sulas, giornalista bergamasco ma di origini sarde, si è spento questa notte presso l’ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo, dove era ricoverato da qualche tempo a causa di un tumore contro cui lottava e per via dell’aggravarsi delle proprie condizioni. Sulas, che lascia la moglie e i due figli, Marco e Roberta, proprio a causa della malattia aveva dovuto diradare le sue prima frequenti apparizioni televisive e anche quel lavoro giornalistico che l’aveva visto seguire alcuni importanti casi di cronaca nera a giudiziaria sia per le redazioni di TeleLombardia sia per Mediaset, senza dimenticare pure la sua lunga collaborazione con il settimanale “Oggi”.

“Sulla notizia, sempre”: è così che oggi Sulas viene ricordato da colleghi e chi lo conosceva. Un cronista di razza che nell’ultimo periodo era diventato un volto noto anche al grande pubblico per via delle sue ospitate nei programmi Mediaset. Non a caso tra i primi a esprimere il dolore per la scomparsa è stato l’account Facebook di “Quarto grado” che ha postato una foto che piaceva allo stesso Giangavino, uomo dall’immenso rispetto “per i suoi lettori e telespettatori”. L’ultimo articolo l’aveva dedicato alla scomparsa di Denise Pipitone ma aveva presenziato comunque ad alcune trasmissioni e di solito parlava del male che combatteva come di una “massa che spinge”, senza mai perdere il buonumore che lo contraddistingueva. (agg. di R. G. Flore)

Nuovo lutto nel mondo del giornalismo

Il giornalista Giangavino Sulas si è spento nella notte a Bergamo a 77 anni. Di origini sarde, il giornalista è venuto a mancare dopo aver combattuto contro la malattia. Come fa sapere il settimanale Oggi per il quale aveva scritto nel corso della sua lunga e straordinaria carriera, Giangavino Sulas aveva un tumore ed era ricoverato presso l’ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo dove si è spento nella notte tra il 24 e il 25 giugno. Della malattia contro cui ha combattuto il famoso giornalismo non ci sono altri dettagli. Nonostante la malattia, non aveva smesso di seguire i più importanti casi di cronaca e di partecipare ad importanti trasmissioni come Quarto Grado di cui era ospite fisso commentando i fatti più importanti della cronaca italiana. A causa della malattia, era stato ricoverato in ospedale dove si è spento.

Giangiavino Sulas e la lotta silenziosa contro il tumore

Cronista vero, con uno spirito d’osservazione fuori dal comune, gentile ed elegante, Giangavino Sulas ha scritto pagine importanti per il giornalismo italiano. La sua è stata una vera devozione al lavoro al punto da non averci rinunciato neanche con la malattia. Nonostante il ricovero in ospedale, infatti, non ha rinunciato a partecipare a Quarto grado di cui è stato ospite fisso fino all’ultimo. Contro la malattia ha combattuto in silenzio e quel silenzio è lo stesso della moglie e dei figli Roberta e Marco. L’ultimo saluto al giornalista si terrà lunedì 28 giugno, alle 15, nella chiesa di Sant’Alessandro della Croce in via Pignolo, a Bergamo come fa sapere il Corriere della Sera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA