chiesto parere Cts/ Da quando? Due date possibili

Mascherina all’aperto: obbligatoria oppure no? Al momento sì, ma questa regola potrebbe avere i giorni contati. Sì, perché, come filtra da Palazzo Chigi, il Governo sta ragionando sull’eventualità di rimuovere l’obbligo dal 1° o dal 5 luglio, compiendo un nuovo, ulteriore passo verso quella normalità che il Coronavirus ha allontanato drasticamente e repentinamente dalle nostre vite. Ecco, dunque, che Mario Draghi, presidente del Consiglio, nei giorni scorsi ha fatto sapere che presenterà precisa richiesta al Comitato tecnico scientifico per capire se presto si potrà togliere la mascherina all’aperto, come già si è verificato in Francia e come succederà tra soli sei giorni in landa iberica.

Tuttavia, sulle ipotetiche date Draghi non si è sbilanciato: preferisce temporeggiare e attendere precise indicazioni da parte degli esperti del Cts, con il ministro della Salute, Roberto Speranza, che si è già attivato in tal senso, inoltrando un’istanza di parere formale ai componenti del comitato “relativamente alle modalità e ai termini della permanenza dell’obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie all’aperto”.

OBBLIGO MASCHERINE, SALVINI: “NON SE NE PUÒ PIÙ”

Probabilmente, per stabilire il da farsi circa l’utilizzo della mascherina all’aperto, i membri del Comitato tecnico scientifico si riuniranno a inizio settimana, anche se determinante potrebbe essere il prossimo monitoraggio della curva epidemiologica, fissato per venerdì 2 luglio. In ogni caso, stando alle indiscrezioni de “Il Corriere della Sera”, il Cts saprebbe già indicativamente come muoversi: si potrà stare senza mascherina soltanto nei luoghi all’aperto, in zona bianca, e laddove si riesca a mantenere il metro di distanza.

Matteo Salvini, leader della Lega, ha dichiarato: “La rimozione dell’obbligo della mascherina all’aperto deve avvenire il primo possibile. Non ce la si fa più. Se tutta Europa sta dicendo almeno all’aperto di tornare a sorridere e respirare, penso che l’Italia dovrebbe fare lo stesso”. Dello stesso avviso Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, che ha rimarcato l’importanza di porre fine all’impiego delle mascherine per attirare i turisti da altre parti del mondo. Infine, Mara Carfagna, ministro per il Sud, a Sky Tg 24 ha affermato: “Parliamo della salute di milioni di cittadini e della necessità dell’economia che deve tornare a crescere. Sono valutazioni e decisioni che verranno prese sulla base di valutazioni scientifiche e la politica si dovrà assumere la responsabilità di attuarle”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA